Bibbia online

La promessa di Dio

 PORTUGUÊS  ESPAÑOL  CATALÀ  FRANÇAIS  ENGLISH  ROMÂNESC   ITALIANO  DEUTSCH

 POLSKA  MAGYAR  HRVATSKI  SLOVENSKÝ SLOVENSKI  ČESKÝ  SHQIPTAR  NEDERLANDS

 Svenska   Norsk   Suomalainen   Dansk  Íslendingur   Lietuvos   Latvijas   Eesti

 ქართული   ελληνικά  հայերեն  Kurd  Azərbaycan  Türk  العربية   فارسی   עברי   ייִדיש   

 Pусский  Yкраїнський  Македонски  български  Монгол  Беларусь  Қазақ  Cрпски

 Swahili   Hausa   Afrikaans   Igbo   Xhosa   Yoruba   Zulu  Amharic  Malagasy Somali

 हिन्दी  नेपाली   বাঙালি  ਪੰਜਾਬੀ  தமிழ்  中文  ไทย  ខ្មែរ  ລາວ  Tiếng Việt  한국의  日本の  

  BIRMAN  TAGALOG  INDONESIA  MALAYSIA  JAWA

Le frasi in blu (tra due paragrafi) ti danno spiegazioni bibliche aggiuntive e dettagliate. Basta fare clic sul collegamento ipertestuale in blu. Gli articoli biblici sono scritti principalmente in quattro lingue: inglese, spagnolo, portoghese e francese. Se dovesse essere scritto in italiano, verrà specificato tra parentesi

 "Io susciterò ostilità fra te e la donna, e fra la tua discendenza e la discendenza di lei. Lui ti schiaccerà la testa e tu lo colpirai al calcagno"

(Genesi 3:15)

Qual è il messaggio di questo enigma profetico? Geova Dio informa che il suo piano di popolare la terra con una umanità retta sarà realizzato di sicuro (Genesi 1:26-28). Dio redimerà la discendenza attraverso il "posterità della donna" (Genesi 3:15). Questa profezia era un "sacro segreto" per le età (Marco 4: 11; Romani 11: 25; 16: 25; 1 Corinzi 2: 1,7 "sacro segreto"). Geova Dio lo rivelò gradualmente nel corso dei secoli. Ecco il significato di questo indovinello profetico:

 

(Gesù Cristo è il re celeste del regno di Dio, installato da suo Padre, Geova Dio, nel 1914 (secondo la cronologia biblica della profezia di Daniele capitolo 4))

 

(Solo 144.000 esseri umani (uomini o donne) avranno una risurrezione celeste e regneranno con il re Gesù Cristo, in cielo, secondo la profezia dell'Apocalisse capitoli 5,7 e 14)

 

La Donna: lei rappresenta il popolo celeste di Dio fatto angeli in cielo: "Poi in cielo apparve un segno straordinario: una donna vestita del sole, con la luna sotto i piedi e una corona di 12 stelle sulla testa" (Apocalisse 12:1). Questa donna è descritta come la "Ma la Gerusalemme di sopra è libera, ed è nostra madre" (Galati 4:26). E 'descritto come il "Gerusalemme celeste": "Vi siete invece avvicinati al monte Sìon e alla città dell’Iddio vivente, la Gerusalemme celeste, e a miriadi di angeli" (Ebrei 12:22). Per millenni, l'immagine Sara, moglie di Abramo, la donna celeste era sterile, senza figli (menzionato in Genesi 3:15): "Esulta, donna sterile che non ha partorito! Rallegrati e grida di gioia, tu che non hai mai avuto le doglie, perché i figli della donna abbandonata sono più numerosidei figli di quella che ha un marito”, dice Geova" (Isaia 54:1). Questa profezia annunciò che questa donna sterile avrebbe dato alla luce molti figli (il re Gesù Cristo e i 144.000 re e sacerdoti).

 

Posterità della donna: Il libro dell'Apocalisse rivela chi è il figlio: "Poi in cielo apparve un segno straordinario: una donna vestita del sole, con la luna sotto i piedi e una corona di 12 stelle sulla testa. Era incinta, e gridava per le doglie e il travaglio del parto. (...) La donna diede alla luce un figlio, un maschio, che deve governare tutte le nazioni con una verga di ferro. Il bambino fu rapito e portato presso Dio e il suo trono" (Apocalisse 12:1,2,5). Questo figlio che "governare tutte le nazioni con scettro di ferro" è stato designato dall'angelo Gabriele come Gesù Cristo: "Sarà grande e sarà chiamato Figlio dell’Altissimo. Geova Dio gli darà il trono di suo padre Davide, e lui regnerà sulla casa di Giacobbe per sempre, e il suo Regno non avrà fine" (Luca 1:32,33). Tuttavia, il bambino la cui moglie celeste partorisce si riferisce al Regno di Dio, il cui Jehovah nominato Re è il suo Figlio Gesù Cristo (Salmi 2).

 

Il serpente originale è Satana il Diavolo, "Così il gran dragone, l’antico serpente, colui che è chiamato Diavolo e Satana, che svia l’intera terra abitata, fu gettato giù; fu gettato sulla terra, e i suoi angeli con lui" (Apocalisse 12:9).

 

(Satana il diavolo, fu espulso dal cielo, nel 1914)

 

Posterità del serpente rappresenta i nemici celesti (demoni o angeli del diavolo) e terreno, del Regno di Dio, coloro che sono attivamente alla lotta contro la sovranità di Dio, contro il Re Gesù Cristo e contro i santi sulla terra: "Serpenti, razza di vipere, come sfuggirete al giudizio della Geènna? Perciò, ecco, vi mando profeti, saggi e insegnanti. Alcuni li ucciderete e li metterete al palo, e alcuni li flagellerete+ nelle vostre sinagoghe e li perseguiterete di città in città, così che ricada su di voi tutto il sangue giusto versato sulla terra, dal sangue del giusto Abele fino al sangue di Zaccarìa, figlio di Barachìa, che voi assassinaste fra il santuario e l’altare. In verità vi dico: tutte queste cose ricadranno su questa generazione" (Matteo 23:33-35).

 

(Molti dei posteri del diavolo spariranno durante la grande tribolazione secondo Apocalisse 14 e 19)

 

La ferita della donna nel tallone rappresenta la morte sacrificale sulla terra del Figlio di Dio, Gesù Cristo: "Per di più, quando venne come uomo, umiliò sé stesso e divenne ubbidiente fino alla morte, la morte su un palo di tortura" (Filippesi 2: 8). Tuttavia, questa ferita sul tallone fu guarito dalla risurrezione di Gesù Cristo: "e uccideste colui che conduce alla vita. Ma Dio lo ha risuscitato dai morti, e di questo noi siamo testimoni" (Atti 3:15). 

 

(Il sacrificio di Cristo consente la salvezza dell'umanità (Giovanni 3:16))

 

(Dobbiamo commemorare la morte di Gesù Cristo ogni anno (scritto in italiano))

 

Lo schiacciamento della testa del serpente si riferisce alla distruzione eterna di Satana il diavolo e demoni e nemici terreni del Regno di Dio, alla fine del regno millenario di Gesù Cristo: "Fra breve l’Iddio che dà pace schiaccerà Satana sotto i vostri piedi" (Romani 16:20). "E il Diavolo, che le svia, sarà gettato nel lago di fuoco e zolfo, dove si troveranno già la bestia feroce e il falso profeta; e saranno tormentati giorno e notte per i secoli dei secoli" (Apocalisse 20:10 ).

 

1 - Dio fa un'alleanza con Abramo

 

"E per mezzo della tua discendenza tutte le nazioni della terra si benediranno, perché tu hai ascoltato la mia voce"

 

(Genesi 22:18)

L'alleanza di Dio con Abrahamo è una promessa che tutta l'umanità obbediente a Dio sarà benedetta attraverso i discendenti di Abramo. Abramo ebbe un figlio, Isacco, con sua moglie Sarah (per molto tempo sterile) (Genesi 17:19). Abramo, Sarah e Isaac sono i protagonisti di un dramma profetica che rappresenta allo stesso tempo, il significato del sacro segreto e il mezzo con cui Dio salverà l'umanità ubbidiente (Genesi 3:15).

 

- Geova Dio rappresenta il Grande Abramo: "Tu sei nostro Padre; anche se Abraamo non dovesse conoscercie Israele non dovesse riconoscerci,tu, o Geova, sei nostro Padre. Il tuo nome è Redentore nostro dai tempi antichi" (Isaia 63:16, Luca 16:22).

  

(Geova è il nome di Dio)

 

(Dobbiamo adorare esclusivamente Geova (Matteo 22: 37,38))

 

- La Donna Celeste rappresenta Grande Sarah, lungo sterile e senza figli (per quanto riguarda Genesi 3: 15): "Infatti è scritto: “Rallegrati, donna sterile che non partorisce; prorompi in grida di gioia, donna che non ha le doglie, perché i figli della donna abbandonata sono più numerosi dei figli di quella che ha un marito”. Ora voi, fratelli, siete figli della promessa, come lo era Isacco. Ma proprio come allora il figlio nato nella maniera consueta perseguitava quello nato mediante lo spirito, così avviene anche ora. Tuttavia, cosa dice il passo della Scrittura? “Manda via la serva e suo figlio, perché il figlio della serva non sarà mai erede con il figlio della donna libera”. Dunque, fratelli, noi non siamo figli della serva, ma della donna libera" (Galati 4:27-31).

 

- Gesù Cristo è il Grande Isacco, posterità principale di Abramo: "Ora, le promesse furono fatte ad Abraamo e alla sua discendenza. Non dice “e ai tuoi discendenti”, come se parlasse di molti. Dice piuttosto “e alla tua discendenza” nel senso di uno solo, che è Cristo" (Galati 3:16).

 

(Gesù Cristo è il Figlio di Geova Dio, l'unica via per l'eterna salvezza (Giovanni 14: 6))

 

- La ferita del tallone della Donna celeste: Geova Dio chiese ad Abrahamo di sacrificare suo figlio Isacco. Abramo non rifiutò (perché pensava che Dio avrebbe resuscitato Isacco dopo questo sacrificio (Ebrei 11:17-19)). Poco prima del sacrificio, Dio ha impedito ad Abramo di compiere un simile atto. Isacco fu sostituito da un montone sacrificato da Abrahamo: "Successivamente il vero Dio mise Abraamo alla prova. “Abraamo!”, lo chiamò. Lui rispose: “Eccomi!” Gli disse: “Per favore, prendi tuo figlio Isacco, il tuo unico figlio, che ami tanto, e va’ nel paese di Morìa; là offrilo come olocausto su un monte che io ti mostrerò”. (...) Alla fine arrivarono nel luogo che il vero Dio gli aveva indicato, e Abraamo eresse un altare e sistemò la legna. Poi legò le mani e i piedi di suo figlio Isacco e lo mise sull’altare, sopra la legna. Quindi Abraamo stese la mano e prese il coltello per uccidere suo figlio. Ma l’angelo di Geova lo chiamò dai cieli: “Abraamo, Abraamo!” Lui rispose: “Eccomi!” Allora l’angelo gli disse: “Non fare del male al ragazzo, non fargli niente! Ora infatti so per certo che temi Dio, perché non ti sei rifiutato di darmi tuo figlio, l’unico che hai”. Quando Abraamo alzò lo sguardo, vide poco più in là un montone impigliato per le corna in un cespuglio. Andò a prenderlo e lo offrì in olocausto al posto di suo figlio. E Abraamo chiamò quel luogo Geova-Gire. Ecco perché ancora oggi si dice: “Sul monte di Geova si provvederà" (Genesi 22:1-14). Geova lo ha fornito, questa volta, a Suo stesso Figlio. è la realizzazione di un sacrificio estremamente doloroso a Geova Dio (e suo figlio Gesù Cristo (leggi la frase "il tuo unico figlio, che ami tanto")). Geova Dio, il Grande Abramo sacrificato il suo figlio diletto Gesù Cristo, il grande Isacco per la salvezza dell'umanità ubbidiente: "Infatti Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo Figlio unigenito, affinché chiunque esercita fede in lui non sia distrutto ma abbia vita eterna. (...) Chi esercita fede nel Figlio ha vita eterna; chi disubbidisce al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio rimane su di lui" (Giovanni 3:16,36). La realizzazione finale della promessa fatta ad Abramo si compirà con la benedizione eterna all'umanità ubbidiente Alla fine del regno millenario di Cristo: "Poi ho sentito una voce forte dal trono che diceva: "Allora sentii una voce possente che veniva dal trono dire: “Ecco, la tenda di Dio è con gli uomini; egli dimorerà con loro ed essi saranno il suo popolo. Dio stesso sarà con loro. Ed egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e la morte non ci sarà più, né ci sarà più lutto né lamento né dolore. Le cose di prima sono passate" (Apocalisse 21:3,4).

 

(L'umanità sarà libera da malattie, invecchiamento e morte)

 

2 - L'alleanza della circoncisione

 

"Poi gli diede il patto della circoncisione, e Abraamo generò Isacco e lo circoncise l’ottavo giorno, e Isacco generò Giacobbe, e Giacobbe i 12 patriarchi"

 

(Atti 7:8)

Questo patto di circoncisione doveva essere il segno distintivo del popolo di Dio, in quel tempo l'Israele terreno. Ha un significato spirituale, che è spiegato nel discorso di addio di Mosè nel libro del Deuteronomio: "Dovete quindi purificare il vostro cuore e smettere di essere così ostinati" (Deuteronomio 10: 16). La circoncisione significa nella carne ciò che corrisponde al cuore, essendo esso stesso una fonte di vita, l'obbedienza a Dio: "Più di ogni altra cosa, salvaguarda il tuo cuore, perché da esso sgorgano le fonti della vita" (Proverbi 4:23).

 

(L'obbedienza a Dio e a suo Figlio Gesù Cristo, attraverso una conoscenza esatta della loro volontà, scritta nella Bibbia (Salmi 1: 2,3) (scritto in italiano))

 

(Obbedienza a Dio e a suo Figlio Gesù Cristo, raggiungendo, eventualmente, la maturità spirituale)

 

Il discepolo Stefano, nel suo discorso che precedette la sua esecuzione per lapidazione, aveva compreso questo punto fondamentale di insegnamento. Ha chiarito ai suoi ascoltatori che non avevano fede in Gesù Cristo, anche se circoncisi fisicamente, erano incirconcisi spirituali del cuore: "Uomini ostinati e incirconcisi nel cuore e negli orecchi, voi opponete sempre resistenza allo spirito santo. Come fecero i vostri antenati, così fate voi. Qual è il profeta che i vostri antenati non perseguitarono? Uccisero quelli che preannunciarono la venuta del Giusto, di cui voi ora siete diventati i traditori e gli assassini, voi che avete ricevuto la Legge come fu trasmessa dagli angeli, ma non l’avete osservata" (Atti 7:51-53). Un tale coraggioso rimprovero gli costò la vita, il che confermava che questi assassini erano spirituali incirconcisi del cuore.

 

("L'incirconcisione spirituale" è la disobbedienza a Dio e a Suo Figlio Gesù Cristo praticando volontariamente le cose proibite nella Bibbia (Vedi Parte 2) (scritto in italiano))

 

Il cuore simbolico costituisce l'interno spirituale di una persona, fatto di ragionamenti accompagnati da parole e azioni (buone o cattive). Senza usare la frase, Gesù Cristo spiegò bene ciò che rende una persona pura o impura, a causa dello stato del suo cuore: "Ma tutto quello che esce dalla bocca viene dal cuore, ed è questo che contamina l’uomo. Per esempio, dal cuore vengono ragionamenti malvagi, assassinii, adultèri, immoralità sessuale, furti, false testimonianze, bestemmie. Sono queste le cose che contaminano l’uomo, ma mangiare senza essersi lavati le mani non contamina l’uomo" (Matteo 15:18-20). In questo caso, Gesù Cristo descrive un essere umano in una condizione di incirconcisione spirituale, con il suo "prepuzio del cuore", con il suo cattivo ragionamento che lo rende impuro davanti a Dio e non adatto alla vita (vedere Proverbi 4:23). "L’uomo buono tira fuori dal suo buon tesoro cose buone, mentre l’uomo malvagio tira fuori dal suo malvagio tesoro cose malvagie" (Matteo 12:35). Nella prima parte della dichiarazione di Gesù Cristo, descrive un essere umano che ha un cuore spiritualmente circonciso.

 

L'apostolo Paolo comprese anche questo punto d'insegnamento da Mosè e poi da Gesù Cristo. La circoncisione significava spiritualmente, l'obbedienza a Dio e poi al suo Figlio Gesù Cristo: "La circoncisione in realtà è utile solo se osservi la legge; ma se trasgredisci la legge, la tua circoncisione diventa incirconcisione. Se perciò un incirconciso rispetta i giusti precetti della Legge, la sua incirconcisione non sarà forse considerata circoncisione? Chi è incirconciso fisicamente ma adempie la Legge giudicherà te che, pur avendo il codice scritto e la circoncisione, trasgredisci la legge. Infatti non è giudeo chi lo è esteriormente, né è circoncisione quella esteriore, nella carne. Ma è giudeo chi lo è interiormente, e la sua circoncisione è quella del cuore mediante lo spirito, e non mediante un codice scritto. La sua lode viene da Dio, non dagli uomini" (Romani 2:25-29).

 

I fedeli cristiani non sono più sotto l'amministrazione della legge è passato a Mosè, e quindi non è obbligato a praticare la circoncisione fisica, come il decreto apostolico scritto in Atti 15: 19,20,28,29 . Ciò è confermato da ciò che è stato scritto sotto l'ispirazione l'apostolo Paolo: "Infatti il fine della Legge è Cristo, affinché chiunque esercita fede abbia giustizia" (Romani 10:4). "Qualcuno era circonciso quando è stato chiamato? Non cerchi di cancellare la sua circoncisione. Qualcuno è stato chiamato quando era incirconciso? Non si faccia circoncidere.  La circoncisione non conta nulla e l’incirconcisione non conta nulla; ciò che conta è invece osservare i comandamenti di Dio" (1 Corinti 7:18,19). D'ora in poi, il cristiano deve avere la circoncisione spirituale del cuore, vale a dire, ubbidire a Geova Dio e avere fede nel sacrificio di Cristo (Giovanni 3:16,36).

 

(Non siamo più sotto l'autorità della legge trasmessa a Mosè, ma questa legge ha un valore profetico che si adempie in Cristo, nella congregazione cristiana, e sarà adempiuta nel futuro paradiso terrestre, secondo Ebrei 10: 1, Colossesi 2:17 ed Ezechiele 40-48)

 

Proprio come colui che voleva partecipare alla Pasqua doveva essere circonciso. Allo stesso modo, il cristiano (qualunque sia la sua speranza (celeste o terrena)), deve avere la circoncisione spirituale del cuore prima di consumare il pane non lievitato e bere il calice della commemorazione della morte di Gesù Cristo: "Un uomo prima si esamini e si accerti di essere degno e poi mangi il pane e beva il calice" (1 Corinzi 11:28 confrontare con Esodo 12:48 (Pasqua ebraica)).

 

(Dobbiamo commemorare la morte di Gesù Cristo ogni anno e tutti i cristiani fedeli (indipendentemente dalla speranza (celeste o terrena) sono tenuti a prendere gli emblemi secondo Giovanni 6: 48-58 (scritto in italiano))

 

3 - L'alleanza della Legge tra Dio e il popolo di Israele

 

"Fate attenzione a non dimenticare il patto che Geova vostro Dio ha fatto con voi"

 

(Deuteronomio 4:23)

Il mediatore di questo patto è Mosè: "Fu allora che Geova mi comandò di insegnarvi le norme e le decisioni giudiziarie che dovrete osservare nel paese in cui entrerete per prenderne possesso" (Deuteronomio 4:14). Questa alleanza è strettamente legato al patto della circoncisione, che è il simbolo di obbedienza a Dio (Deuteronomio 10:16 confrontare con Romani 2:25-29). Questa alleanza sarebbe in vigore fino al conducente Messia: "Lui terrà in vigore il patto per i molti per una settimana, e alla metà della settimana farà cessare sacrificio e offerta" (Daniele 9:27 ). Questa alleanza sarebbe stato sostituito da un nuovo patto, secondo la profezia di Geremia: "Ecco”, dichiara Geova, “verranno i giorni in cui concluderò con la casa d’Israele e con la casa di Giuda un nuovo patto. Non sarà come il patto che conclusi con i loro antenati nel giorno in cui li presi per mano e li portai fuori dal paese d’Egitto, ‘patto che infransero, benché io fossi il loro vero signore’, dichiara Geova" (Geremia 31:31,32).

 

Lo scopo della Legge data ad Israele era di preparare il popolo alla venuta del Messia. La legge ha insegnato la necessità di liberare la condizione peccaminosa dell'uomo (rappresentato dal popolo di Israele): "Ecco perché, come per mezzo di un solo uomo il peccato è entrato nel mondo, e per mezzo del peccato la morte, e così la morte si è estesa a tutti gli uomini perché tutti hanno peccato... Infatti il peccato esisteva nel mondo prima della Legge; ma quando non c’è legge il peccato non può essere imputato a nessuno" (Romani 5:12,13). La Legge di Dio ha dato sostanza alla condizione peccaminosa dell'umanità. Ha portato alla luce la condizione peccaminosa di tutta l'umanità, rappresentata in quel momento dal popolo di Israele: "Cosa diremo dunque? Che la Legge è peccato? No di certo! Anzi, non avrei conosciuto il peccato se non fosse stato per la Legge. Per esempio, non avrei conosciuto la concupiscenza se la Legge non avesse detto: “Non devi concupire”. Ma il peccato, cogliendo l’occasione offerta dal comandamento, ha prodotto in me ogni sorta di concupiscenza; senza la legge infatti il peccato era morto. Un tempo, senza la legge, ero vivo; ma quando arrivò il comandamento, il peccato riprese vita e io morii. Scoprii dunque che il comandamento che doveva portare alla vita in realtà portava alla morte. Il peccato infatti, cogliendo l’occasione offerta dal comandamento, mi sedusse e per mezzo d’esso mi uccise. Pertanto la Legge di per sé è santa, e il comandamento è santo, giusto e buono" (Romani 7:7-12). Perciò la legge è stata un tutor o istruttore che porta a Cristo. "Così la Legge divenne il nostro tutore per condurci a Cristo, affinché fossimo dichiarati giusti mediante la fede. Ma ora che la fede è arrivata, non siamo più affidati a un tutore" (Galati 3:24,25). La legge perfetta di Dio, che ha dato corpo al peccato mostrando la trasgressione dell'uomo, ha mostrato la necessità del sacrificio che porta alla redenzione del trasgressore umano a causa della sua fede (non opere della legge). Questo sacrificio sarebbe quello di Cristo: "Proprio come il Figlio dell’uomo è venuto non per essere servito, ma per servire e per dare la sua vita come riscatto in cambio di molti" (Matteo 20: 28).

 

(Gesù Cristo è il Figlio di Geova Dio, l'unica via per l'eterna salvezza (Giovanni 14:6))

 

Anche se Cristo è la fine della Legge, resta il fatto che al momento continua ad avere un valore profetico che ci permette di comprendere il pensiero di Dio (attraverso Gesù Cristo) riguardo al futuro. "La Legge infatti possiede un’ombra delle benedizioni future, ma non la realtà stessa delle cose" (Ebrei 10:1; 1 Corinti 2:16). È Gesù Cristo che farà queste "cose ​​buone" che diventa realtà: "Queste cose sono un’ombra di quelle future, ma la realtà appartiene al Cristo" (Colossesi 2:17).

 

(Non siamo più sotto l'autorità della legge trasmessa a Mosè, ma questa legge ha un valore profetico che si adempie in Cristo, nella congregazione cristiana, e sarà adempiuta nel futuro paradiso terrestre, secondo Ebrei 10: 1, Colossesi 2:17 ed Ezechiele 40-48)

 

4 - La nuova alleanza tra Dio e l'Israele di Dio

 

"Ora, le promesse furono fatte ad Abraamo e alla sua discendenza. Non dice “e ai tuoi discendenti”, come se parlasse di molti. Dice piuttosto “e alla tua discendenza” nel senso di uno solo, che è Cristo"

 

(Galati 6:16)

Gesù Cristo è il mediatore della Nuova Alleanza: "C’è infatti un solo Dio, e un solo mediatore fra Dio e gli uomini, l’uomo Cristo Gesù" (1 Timoteo 2: 5). Questa nuova alleanza ha adempiuto la profezia di Geremia 31: 31,32. Riguarda questa volta, secondo 1 Timoteo 2: 5, tutti gli uomini che hanno fede nel sacrificio di Cristo (Giovanni 3:16). L'Israele di Dio rappresenta l'intera congregazione cristiana. Tuttavia, Gesù Cristo ha mostrato che questo Israele di Dio avrà una parte in cielo e un'altra sulla terra, nel futuro paradiso terrestre.

 

L'Israele di Dio celeste consiste 144000 re e sacerdoti, la nuova Gerusalemme, la capitale affluiranno in cui l'autorità di Dio è venuto dal cielo sulla terra (Apocalisse 7: 3-8 celeste Israele spirituale costituito da 12 tribù da 12000 = 144000): "E vidi la città santa, la Nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo" (Apocalisse 21:2).

 

(Solo 144.000 esseri umani (uomini o donne) avranno una risurrezione celeste e regneranno con il re Gesù Cristo, in cielo, secondo la profezia dell'Apocalisse capitoli 5,7 e 14)

 

L'Israele di Dio terreno sarà composta da esseri umani che vivranno in futuro paradiso terrestre, essendo stato proclamato da Gesù Cristo come le 12 tribù di Israele che saranno giudicati: "Gesù disse loro: “In verità vi dico: alla rigenerazione, quando il Figlio dell’uomo si siederà sul suo glorioso trono, voi che mi avete seguito siederete su 12 troni, giudicando le 12 tribù d’Israele" (Matteo 19:28). Questo Israele spirituale terreno è anche descritto nella profezia dei capitoli di Ezechiele 40-48.

 

(Ci sarà la grande folla che sopravviverà alla grande tribolazione e rappresenterà un terzo dell'attuale umanità secondo le profezie di Zaccaria 13: 8 e Apocalisse 7: 9-17)

 

(Ci sarà una risurrezione terrena)

 

(L'ingiusto sarà giudicato)

 

Attualmente, l'Israele di Dio è composto da fedeli cristiani che hanno la chiamata celeste e cristiani che hanno la speranza terrena della vita eterna e la speranza di essere parte la grande folla chi sopravvivrà alla grande tribolazione (Apocalisse 7: 9 -17).

 

(Questo "Israele di Dio" è la congregazione cristiana per adorare Geova e servire il re Gesù Cristo)

 

La sera della celebrazione l'ultima Pasqua, Gesù Cristo ha celebrato la nascita di questo nuovo patto con gli apostoli fedeli che erano con lui: "Quindi prese un pane e, dopo aver reso grazie a Dio, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: “Questo rappresenta il mio corpo, che dev’essere dato in vostro favore. Continuate a far questo in mio ricordo”. Fece lo stesso con il calice alla conclusione della cena, dicendo: “Questo calice rappresenta il nuovo patto basato sul mio sangue, che dev’essere versato in vostro favore" (Luca 22:19,20).

 

Questa nuova alleanza riguarda tutti i cristiani fedeli, qualunque sia la loro speranza (celeste o terrena). Questa nuova alleanza è strettamente legata alla circoncisione spirituale del cuore (Romani 2: 25-29). Nella misura in cui i fedeli cristiani ha questa circoncisione spirituale del cuore, è in grado di consumare il pane azzimo e il calice rappresenta il sangue del Nuovo Patto (qualunque sia la loro speranza (celeste o terrestre)): "Un uomo prima si esamini e si accerti di essere degno e poi mangi il pane e beva il calice" (1 Corinzi 11:28).

 

(Dobbiamo commemorare la morte di Gesù Cristo ogni anno e tutti i cristiani fedeli (indipendentemente dalla speranza (celeste o terrena) sono tenuti a prendere gli emblemi secondo Giovanni 6: 48-58 (scritto in italiano))

 

5 - L'alleanza per un regno si è fatta tra Geova e Gesù Cristo e tra Gesù Cristo e i 144.000

 

"Comunque, voi siete quelli che sono rimasti con me nelle mie prove; e come il Padre mio ha fatto un patto con me, io faccio un patto con voi per un regno, perché mangiate e beviate alla mia tavola nel mio Regno e sediate su troni per giudicare le 12 tribù d’Israele"

 

(Luca 22:28-30)

Questa alleanza fu fatta nella stessa notte in cui Gesù Cristo celebrò la nascita della Nuova Alleanza. Questo non significa che siano due alleanze identiche. Il patto per un regno è fra Geova e Gesù Cristo e poi tra Gesù Cristo e la 144.000 che devono governare in cielo come re e sacerdoti (Apocalisse 5:10; 7: 3-8; 14:1-5). L'alleanza per un regno sigillato tra Dio e Cristo è un'estensione dell'alleanza di Dio con il re David e la sua dinastia reale. Questa alleanza promesse di Dio riguardanti la permanenza questa discendenza reale, che Gesù Cristo è sia discendente terrena dal vivo e Re celeste installato da Geova (1914), in adempimento del patto per un Regno (2 Samuele 7:12-16, Matteo 1:1-16, Luca 3:23-38, Salmo 2).

 

(Gesù Cristo è il re celeste del regno di Dio, installato da suo Padre, Geova Dio, nel 1914 (secondo la cronologia biblica della profezia di Daniele capitolo 4))

 

Il patto per un regno fatto tra Gesù Cristo e degli apostoli e, per estensione, con il gruppo di 144.000, è di fatto una promessa di matrimonio celeste, che si terrà poco prima della grande tribolazione: "Gioiamo ed esultiamo, e diamogli gloria, perché è arrivato il matrimonio dell’Agnello e la sua sposa è pronta. Le è stato concesso di vestirsi di lino fine, splendente e puro; il lino fine, infatti, rappresenta gli atti giusti dei santi" (Apocalisse 19:7,8).

 

(Solo 144.000 esseri umani (uomini o donne) avranno una risurrezione celeste e regneranno con il re Gesù Cristo, in cielo, secondo la profezia dell'Apocalisse capitoli 5,7 e 14)

 

Il Salmo 45 descrive profeticamente questo matrimonio celeste tra il Re Gesù Cristo e la sua celeste moglie reale (la Regina), la Nuova Gerusalemme (Apocalisse 21: 2). Questo matrimonio celeste nascerà del figlio terrena del regno dei principi che saranno i rappresentanti terreni dell'autorità reale celeste del Regno di Dio: "I tuoi figli prenderanno il posto dei tuoi antenati. Li farai principi su tutta la terra" (Salmi 45:16, Isaia 32:1,2).

 

(La profezia di Ezechiele capitoli 40-48 descrive in dettaglio il ruolo dei futuri principi terreni)

(La profezia di Ezechiele capitoli 40-48 descrive anche il ruolo dei futuri sacerdoti terreni)

 

Le benedizioni eterne della Nuova Alleanza e l'Alleanza per un regno soddisfatte le condizioni del Patto di Abramo che benedica tutti i popoli, alla fine di mille anni e per l'eternità. La promessa di Dio sarà pienamente adempiuta: "e si basa sulla speranza della vita eterna che Dio, il quale non può mentire, promise molto tempo fa" (Tito 1:2).

  

(Le benedizioni della liberazione dell'umanità)

(Le benedizioni della risurrezione celeste)

(Le benedizioni della risurrezione terrena)

(Le benedizioni dell'amministrazione terrena del Regno di Dio)